Dal lago alla montagna, un'ascensione di 2000 metri verso il cielo

Articolo Gara

Data

15 Ottobre 2011

Photo

Angela Trawoeger
All rights are reserved

Sole, acqua ed aria. I 3 elementi della natura che ci hanno aiutato a portare a termine un lavoro bellissimo iniziato quest’estate. Un progetto ambizioso che ha come scopo raccogliere fondi da investire nella sistemazione e la conservazione dei sentieri del Baldo.

15 ottobre 2011 ore 6.30: arriva l’alba assieme a noi in località Paina a Malcesine, sulle rive del Garda. Il sole accarezza piano le colline del Baldo in attesa della conquista. Siamo pronti per la prima edizione di Lake Garda Mountain Race. Tutti sono ai loro posti: organizzatori ed atleti, accomunati dalla grinta e la voglia di arrivare in alto. I 2000 metri sono nostri. 150 sono i concorrenti iscrittisi da diversi angoli d’Europa (Norvegia, Svezia, Gran Bretagna, Germania, Austria ed Italia) confermando il carattere internazionale della gara. Si parte alle 8.30 con le due categorie, Nordic Walking ed Exercise (non competitiva). Una settantina di atleti invadono la bellezza del Monte Baldo per arrivare a 1700 metri di dislivello dopo aver toccato l’acqua del lago più grande d’Italia. Un gesto che diventerà il simbolo e la tradizione dell’evento (touch water and sky recita lo slogan sui manifesti).

Ore 10.30 la partenza dei gladiatori della montagna che conquisteranno i 1700 e i 2000 metri di dislivello. 47 i concorrenti per la categoria Ultimate Running, ma soltanto 27 arriveranno al traguardo. Gli altri decideranno di terminare la loro sofferta scalata ai 1700, aggiungendosi così ai 24 iscritti della categoria Running, che termina appunto all'arrivo della Funivia del Baldo.

Ai 2000 metri l’aria si fa più densa e la natura ci regala un panorama mozzafiato in cima Pozzette. Una giornata di sole consente di ammirare il Baldo e il Garda nel loro splendore.

Il tempo per ammirare questo angolo di paradiso è però breve: dopo soltanto 1 ora 36 minuti e 30 secondi arriva il vincitore. Si chiama Franco Torresani, anzi, Don Franco Torresani. Sì, perché è un parroco, pastore dei comuni di Coredo, Smarano, Sfruz, Tavon (TN). Lo chiamano il prete volante. Con la sua corsa leggera, che sembra accarezzare i sentieri del Baldo arriva sulla cima Pozzette davanti a tutti, percorrendo la sua Stairway to Heaven.

Il portacolori dell'Atletica Trento Cmb, classe 1962, è stato per 7 anni consecutivi, dal 2002 al 2008, presenza stabile sul podio mondiale master di corsa in montagna ottenendo 2 ori, 2 argenti e 3 bronzi, oltre ad aver vinto numerose corse in montagna su tutto il territorio italiano ed europeo. Cristiano Campestrin, classe 1972, che ha più volte vestito la maglia azzurra nelle competizioni sportive, arriva secondo con un ottimo tempo: 1 ora 38 minuti e 25 secondi. Terzo arrivato, e primo internazionale, è invece Peter Gross, concorrente austriaco che ha impiegato 1 ora 45 minuti e 26 secondi. Anche due donne si sono lanciate coraggiose in questa sfida e hanno portato a termine l'impresa con ottimi tempi: la quarantunenne Lorenza Beatrici ha concluso la gara in due ore esatte, mentre l'atleta di casa Luisa Danti ha tagliato il traguardo dopo 2 ore 28 minuti e 54 secondi.

Una volta arrivati tutti i concorrenti a Tratto Spino, alla Caserma della Finanza c'è stato il pranzo conviviale a cui sono seguite le premiazioni sulla magnifica terrazza baldense. La giornata si è poi conclusa alle 19.00 allo Speckstube di Malcesine, dove concorrenti, organizzatori e volontari si sono ritrovati ed hanno cenato in un'atmosfera festosa.

Pienamente soddisfatti gli organizzatori che, forti di questa prima esaltante esperienza, promettono un'edizione ancora più ricca nel 2012. Un grande ringraziamento va a tutti gli sponsor, che con il loro supporto hanno reso possibile la realizzazione di quest'evento, e ai numerosi volontari che si sono messi al servizio della LGMR.

Per avere maggiori informazioni sull'esito della gara e per visionare le immagini dell'evento potete andare sul sito ufficiale, oppure sulla pagina Facebook della LGMR, dove sarà pubblicata la data della prossima edizione, non appena verrà fissata.

Potrebbe interessarti anche