Via ferrata delle Taccole - Vetta delle Buse, Monte Baldo

Percorso Medio Via ferrata EEA Brenzone sul Garda medio/difficile

Photo:
Angela Trawoeger
Courtesy: Giorgia Consolini
All rights are reserved

Traccia GPS

La ferrata delle Taccole si trova sul Monte Baldo, alla Cima delle Buse e va inserita in un percorso con una logica escursionistica. La ferrata è breve, ma intensa, e consigliata all'esperto di ferrate con una buona preparazione fisica.

La Via Ferrata è stata sistemata e migliorata nel 2011.

Informazioni tecniche

Caratteristiche
Percorso Sentiero 654 - Rifugio Telegrafo - Ferrata delle Taccole - Rifugio Telegrafo - Sentiero 654
Partenza Sentiero 654
Arrivo Sentiero 654
Quota di partenza 1124 mt
Quota massima 2200 mt
Dislivello - ascesa/discesa 2450 mt - 408 mt
Lunghezza 13 km
Lunghezza della ferrata 150 mt
Tempo Strada Val Trovai/Telegrafo: 3 ore - 20 min per arrivare all’attacco delle ferrata - 1 ora per fare la via ferrata
Difficoltà
Difficoltà del percorso media
Difficoltà della ferrata medio/difficile
Difficoltà tecnica (da 1 a 5) 4
Difficoltà fisica (da 1 a 5) 4
Scala delle difficoltà CAI EEA: Escursionisti esperti con attrezzatura*
* Segnaletica in montagna e scala delle difficoltà CAI
Attrattiva (da 1 a 5)
Impressione 5
Paesaggio 5

Tipo di percorso

  • Percorso ad anello
  • Arrivo in vetta
  • Percorso panoramico
  • Percorso consigliato

Periodo consigliato

Da giugno a novembre, in assenza di neve

Punti di interesse lungo questo trekking con via ferrata

Vi attendono luoghi isolati e selvaggi, dal sapore alpino.
Assolutamente da fare, se siete esperti di ferrata e avete voglia di passare una giornata intera in montagna lontani dalla confusione.

verso-telegrafo

Affronterete la ferrata dopo quasi 3 ore di cammino. La ferrata ha alcuni passaggi difficili ed è esposta in particolare lungo la fessura che caratterizza la via. Richiede impegno fisico, psicologico ed esperienza.

Descrizione dell’itinerario e della ferrata delle Taccole

Avvicinamento dal sentiero 654

Dal parcheggio, si prosegue a piedi lungo la strada asfaltata fino a trovare l’inizio del sentiero 654 (indicazioni per Telegrafo e ferrata delle Taccole).

Si segue il sentiero fino ad arrivare su una strada bianca in un bosco di faggi. Si arriva a una radura con una pozza d'alpeggio, trecento metri dopo, prendete il sentiero sulla curva a destra che rientra nel bosco, dove il sentiero diventa una traccia escursionistica single track. (Fate attenzione a non proseguire lungo la strada forestale fin sotto la parete di roccia che è poco distante da lì).

Si arriva al bivio con indicazioni a sinistra per il Forcelin. Si prosegue a destra e si continua a salire per altre 2 ore e mezza circa, seguendo le indicazioni per il Telegrafo.
Il percorso si alterna ora tra ghiaioni e sentiero con punti panoramici verso il basso Garda, i valloni, il circolo glaciale e la Vetta delle Buse.

Al bivio con indicazioni per Baito Buse e Turri, sentiero 55, tenete la sinistra rimanendo sul sentiero 654. Subito dopo si apre l'anfiteatro sotto la Cima Telegrafo, con i prati brulli tipici di quella quota.

Continuate a salire fino ad arrivare al rifugio che vedete sempre davanti a voi.

Avvicinamento dal Rifugio Telegrafo

Dal Rifugio Telegrafo proseguire verso sud sul sentiero 658, finché non vedete la targa con indicazioni "Via ferrata delle Taccole" a destra. Dovete affrontare un ghiaione in discesa che vi porta all'attacco della ferrata. Tenetevi sulla sinistra per essere sicuri di vedere l'attacco.

ferrata-taccole-tabella

La Ferrata

Si divide in 3 parti, con difficoltà crescente. L'attacco è impegnativo e tecnico. È costituito da un camino verticale di 15/20 mt.
Ci si sposta in obliquo verso destra su delle roccette e si arriva all'inizio della placca con la fessura che caratterizza questa ferrata. La placca è lunga 35 metri, leggermente strapiombante e le staffe sono piuttosto distanti. Le persone di bassa statura potrebbero avere qualche difficoltà in più.
La fessura è attrezzata con staffe e con sassi cementati.
Poco dopo la metà, il cavo si sposta a sinistra all'interno di un diedro. Questa seconda parte della placca ha dei passaggi un po' più impegnativi di quelli appena fatti in fessura.

via-ferrata-taccole

Prendete fiato prima del pezzo finale, il più impegnativo. È lungo circa 25 metri e si sviluppa su un diedro con fessura a camino. Inizialmente avete parecchie staffe poi, nella parte finale, si entra nel camino, leggermente a strapiombo (talvolta umido) e la difficoltà aumenta. La parte finale è poco attrezzata e si sale arrampicando in aderenza.

Non molla fino all'uscita dove trovate una breve cengia a sinistra. Ci si dirige verso est, su alcuni salti rocciosi, dove trovate un terrazzo erboso e panoramica con il libro di vetta.

Discesa

Si ritorna al Rifugio telegrafo seguendo la segnaletica orizzontale. Potete scendere sulla sinistra superando delle roccette un po' impegnative e franose mentre a destra sotto di voi potete vedere il sentiero n.658 che porta direttamente al Telegrafo. L'uscita è più a sud dell'accesso iniziale su ghiaione, poco sotto il Passo del Camino. Camminate quindi verso nord per ritornare al rifugio.

ritorno-telegrafo

Varianti

  • Potete accedere alla ferrata dal basso senza passare dal Rifugio Telegrafo, l'accesso è lo stesso descritto nell'avvicinamento della Via Molinaroli.
  • Per chi volesse facilitarsi la salita può arrivare al Rifugio Telegrafo da Località Due Pozze. Da qua si sale seguendo le indicazioni per il Rifugio Chierego. La salita è più facile.

Le nostre dritte

  • Nonostante il lungo avvicinamento è una ferrata da fare almeno una volta. Essendo corta (ma intensa), va considerata all’interno di una giornata escursionistica in montagna.
  • La ferrata è esposta a nord e la parete è sempre in ombra. Portatevi una giacca a vento e felpa.

L’escursione d’inverno

Questo itinerario non è percorribile d'inverno. La ferrata è esposta a nord e nella Valle delle Pre si accumula neve. Prima di partire potete chiamare al Rifugio per avere informazioni. Da evitare quando scende la temperatura per la presenza di neve o ghiaccio.

Rifugi, bivacchi o punti di ristoro lungo il percorso

Rifugio Telegrafo G.Barana:
Presso Cima Telegrafo
Tel. +39 045 7731797 - Cell. +39 349 1389629
www.sites.google.com/rifugio

Come raggiungere il punto di partenza dell’itinerario

Salite in macchina in Prada da San Zeno di Montagna.
Qua trovate le indicazioni stradali.

Parcheggio

Trovate un piccolo posteggio a lato della strada Val Trovai/Punta Veleno, 4 km a nord del parcheggio degli impianti di Prada-Costabella.

Mezzi pubblici

Nessuno

Consigli per la sicurezza

Fate molta attenzione all’uscita se c’è nebbia perché diventa difficile orientarsi.

Attrezzatura necessaria

Obbligatorio l'uso di casco, imbragatura e kit da ferrata.

Potrebbe interessarti anche