fbpx

Trekking

Escursione a Punta Telegrafo dal sentiero 654 del Monte Baldo

Percorso trekking dalla strada Val Trovai/Punta Veleno al Rifugio Telegrafo

Angela Trawoeger
Testo

Angela Trawoeger

Ideatrice, fotografa e content manager

Un bellissimo trekking in ambiente suggestivo e isolato con un’elevata valenza ambientale.

Il percorso è medio/difficile, si sale sul sentiero CAI 654 dalla strada Val Trovai/Punta Veleno. La salita è lunga circa sei chilometri e ti aspettano 1250 metri di dislivello.

Mappa e traccia gps

Informazioni tecniche

  • Caratteristiche

    • Partenza
      strada Val Trovai/Punta Veleno
    • Arrivo
      Punta Telegrafo
    • Percorso
      Sentiero 654 – Rifugio Telegrafo – Punta Telegrafo
    • Quota di partenza
      1124m
    • Quota massima
      220m
    • Dislivello – ascesa/discesa
      1225m / 204m
    • Lunghezza
      5,6km
    • Tempo
      3 ore
  • Difficoltà

  • Attrattiva

    • Impressione (da 1 a 5)
      5
    • Paesaggio (da 1 a 5)
      5
  • Tipo di percorso

    • Andata e ritorno sullo stesso percorso
    • Arrivo in vetta
    • Percorso consigliato
    • Percorso panoramico
  • Periodo consigliato

    • Da giugno a novembre
      senza neve

Partner

Hotel Maximilian 360gardalife
Hotel Nettuno 360gardalife
Hotel Ideal malcesine 360gardalife

Punti di interesse lungo il sentiero CAI654

Bellissimo l’anfiteatro sotto Cima Telegrafo, il circolo glaciale, tutti gli scorci lungo la salita e la bella vista a quota 2200m di Cima Telegrafo.

Il rifugio Telegrafo si trova poco sotto Cima Telegrafo, è gestito dai ragazzi di Equipe Natura che ti propongono piatti semplici e tradizionali con particolare attenzione ai prodotti del territorio.

vista-cima-telegrafo
Vista da Cima Telegrafo

Descrizione dell’itinerario

Dal parcheggio, si prosegue a piedi lungo la strada asfaltata fino a trovare l’inizio del sentiero 654 (indicazioni per Telegrafo e ferrata delle Taccole).

Segui il sentiero fino alla strada bianca nel bosco di faggi. Raggiunta la radura con una pozza d’alpeggio, trecento metri dopo, prendi il sentiero sulla curva a destra che rientra nel bosco dove il sentiero diventa una traccia escursionistica single track che porta al bivio con indicazioni a sinistra per il “Forcelin”. Fai attenzione a non proseguire lungo la strada forestale fin sotto la parete di roccia che è poco distante da lì.

Si prosegue a destra e si continua a salire per altre due ore e mezza circa, seguendo le indicazioni per il Telegrafo.
Il percorso si alterna ora tra ghiaioni e sentiero con punti panoramici verso il basso Garda, i valloni, il circolo glaciale e la Vetta delle Buse.

Al bivio con indicazioni per Baito Buse e Turri, sentiero 55, tieni la sinistra rimanendo sul sentiero 654. Subito dopo si apre l’anfiteatro sotto la Cima Telegrafo, con i prati brulli tipici di quella quota. Continua a salire fino ad arrivare al rifugio che vedi sempre davanti a te.

rifugio telegrafo

Cima Telegrafo si trova poco sopra l’omonimo rifugio. Si sale prendendo il sentiero che sale dietro il rifugio.

Varianti

Puoi salire o scendere seguendo le indicazioni per il Forcelin. Il tratto è più impegnativo ed erto ma molto più panoramico. Salendo o scendendo dal Forcelin si allunga l’itinerario di circa trenta minuti. È consigliato ad escursionisti esperti.

Le nostre dritte

  • Il rifugio è aperto tutti i giorni d’estate e nei week end di primavera e autunno. Telefona prima di partire per avere conferma o segui la pagina facebook.
  • Fermati una notte al rifugio, si sta davvero bene lassù. Il giorno dopo potresti fare il Tour delle Cime del Monte Baldo: una delle escursioni obbligatorie se vieni sul Lago di Garda per fare trekking. Se decidi di dormire al rifugio chiama per prenotare.
  • Come ogni percorso in alta montagna, è consigliabile partire presto la mattina per godersi la salita col fresco e senza fretta. In ogni caso non dimenticare cappello e crema solare, ma anche dell’abbigliamento caldo antivento. Bastano qualche nuvola e un po’ di vento per ricordarti subito che ti trovi a 2000 metri di quota, anche in estate.
  • Lungo la salita non ci sono punti di ristoro: parti con l’acqua necessaria e del cibo energetico.
  • Salendo in silenzio la mattina presto hai ottime possibilità di vedere qualche camoscio.

L’escursione d’inverno

Questo itinerario non è percorribile con la neve.

Rifugi, bivacchi o punti di ristoro lungo il percorso

Partner

Hotel Capri 360gardalife it 1
Hotel Dolomiti 360gardalife it
Hotel Maximilian 360gardalife

Come raggiungere il punto di partenza dell’itinerario

Sali in macchina in Prada da San Zeno di Montagna. Qua trovi le indicazioni stradali.

Servizio Shuttle

Parcheggio

Trovi un piccolo posteggio a lato della strada Val Trovai/Punta Veleno, 4 km a nord del parcheggio degli impianti di Prada-Costabella.

Mezzi pubblici

Nessuno

Consigli per la sicurezza

Evita il forcellino se affronti l’escursione con dei bambini.

Questo percorso passa da Brenzone sul Garda

Prima o dopo il percorso, durante una gita o in vacanza, i piccoli paesi del Lago di Garda meritano di essere visitati.

Attività sportive con le guide e gli istruttori del posto

Percorsi simili

Dal Magazine

Il nostro impegno, in pratica

Logo 1% for the planet

Siamo parte di 1% for the Planet

un’alleanza fra aziende che donano almeno l’1% delle vendite annuali ad organizzazioni ambientaliste.

Logo Manifesto 360gardalife

Abbiamo scritto un manifesto

5. Non possediamo la Natura, siamo noi ad appartenerle.
La Natura è casa nostra e la proteggiamo da ogni forma di abuso.

Leggi gli altri punti
Logo 360 path cleanup

Organizziamo una giornata ecologica

Un piccolo gesto può fare le differenza? Sì.
Se l’oceano è fatto di gocce, l’umanità è fatta di persone. E tu sei una di loro.

Iscriviti
Logo riforestazione sostenibilita

Riforestiamo per assorbire CO2

serve per ridurre l’impatto generato da questo sito.

Logo goccia

Facciamo del nostro meglio tutti i giorni

per poter restituire al Pianeta almeno un po’ di ciò che ci dona.

Leggi di più sul nostro impegno per il Pianeta