Percorso bici sul Monte Baldo da San Zeno di Montagna

Percorso Difficile San Zeno di Montagna Enduro

Photo:
Angela Trawoeger
All rights are reserved

Traccia GPS

Enduro alle Creste di Naole

Un itinerario molto bello, vario e completo, ideale per bici da all mountain o da enduro.

Si affrontano salite su sterrato, a tratti un po’ tecniche ma con una pendenza graduale e mai eccessiva. Dopo la salita vi aspettano scorrevoli discese single trail, con alcuni passaggi tecnici, strade bianche con fondo compatto e sasso smosso.

Il tutto contornato dalle belle viste sul Lago di Garda e il Monte Baldo che in questa zona sono strepitose.

Dopo la fatica della salita vi aspetta un’ottima accoglienza al Rifugio Chierego.

Informazioni tecniche

Caratteristiche
Percorso San Zeno - Due Pozze - Rifugio Fiori del Baldo - Rifugio Chierego - Creste di Naole - Malga Zocchi - Malga Monteselli - Malga Zilone - Corrubio - San Zeno
Partenza San Zeno
Arrivo San Zeno
Quota di partenza 600 mt
Quota massima 1883 mt
Dislivello - ascesa/discesa 1407 mt / 1446 mt
Lunghezza 34,6 km
Tempo 5 ore
Difficoltà
Difficoltà difficile
Difficoltà tecnica (da 1 a 5) 4
Difficoltà fisica (da 1 a 5) 4
Attrattiva (da 1 a 5)
Impressione 4
Paesaggio 5

Tipo di percorso

  • Percorso ad anello
  • Arrivo in vetta
  • Percorso consigliato
  • Percorso panoramico

Periodo consigliato

Da aprile a novembre, in assenza di neve

Punti di interesse lungo questo percorso bici

Partiamo con la vista voto 10! Vedrete dai Monti lessini agli Appennini, al Lago di Garda.

Prima della discesa potete vedere l’ex forte di Naole, costruito tra il 1905 e il 1913, posizionato a 1675 mt di quota, alle bocchette di Naole.

Descrizione dell’itinerario

Si parte da San Zeno e si sale lungo la strada asfaltata che porta in Prada. Si sale su pendenze moderate, si supera la contrada Prabestema e si continua in salita fino a quota 920 mt dove si prende la strada asfaltata a destra con indicazioni per il Rifugio Chierego. (Sulla vostra sinistra, trovate un casolare abbandonato che fa parte della tenuta Cervi.) Si continua a salire su strada asfaltata fino al grande parcheggio in località Due Pozze a 1220 mt. Se dalle due pozze alzate gli occhi potete vedere il sentiero che state per fare, è quello che taglia qualche metro sotto le creste di Naole e che prosegue fino al Rifugio Chierego.

Si continua a salire sulla strada cementata a destra (indicazioni Fiori del Baldo, Bocchette di Naole) che diventa sterrata in prossimità di un grande tornante che svolta a destra e successivamente a sinistra. Si segue sempre la strada bianca principale con fondo compatto, a tratti scorrevole, a tratti più sassoso che vi accompagna fino al rifugio Fiori del Baldo posto in prossimità dell’arrivo della vecchia seggiovia.

A questo punto potete decidere se fermarvi in questo rifugio o salire al più panoramico rifugio Chierego percorrendo un ultimo sforzo su pendenze impegnative con pietrame smosso che richiedono una buona tecnica di salita e gambe.

Dopo una meritata pausa pranzo e dopo aver recuperato le energie, si scende da un ripido taglio, subito fuori il rifugio Chierego sulla sinistra, fino al rifugio Fiori del Baldo che dovete aggirare a destra per andare a prendere l’evidente sentiero erboso, con qualche pietra, che vi porta proprio sulle Creste di Naole.

Ora trovate 3 sentieri, prendete quello in centro, che è il più bello. Quando il sentiero risale leggermente prendete la sinistra spostandovi in basso, al centro dell’evidente vallone, per arrivare alle bocchette di Naole dove si trova l’ex forte di Naole.

Si prosegue al centro del vallone passando a sinistra di una pozza. Si procede dritti sul sentiero 662 che è molto scorrevole con alcuni tratti tecnici molto divertenti fino a sbucare su una strada bianca, vicino a una fontana.

Si svolta a destra seguendo la scorrevole strada bianca, si sale su una breve ma ripida salita di cemento fino all’imbocco del sentiero 51.

Aggirate malga Zocchi da destra a sinistra, seguite il sentiero a sinistra, attraversate un piano e trovate un’altra pozza che superate a sinistra per poi piegare a destra lungo un taglio che vi porta ad un'altra pozza. Tenendo la destra arrivate a malga Monteselli.

Si segue la strada bianca a destra per poi svoltare a sinistra, dopo la sbarra, alla fine di una breve salita trovate sulla destra il sentiero 51 che attraversa un campo aperto che porta a malga Zilone.

Prendete la destra seguendo le indicazioni per Corrubio. Qua il sentiero si fa sempre più impegnativo, con tanto pietrame smosso, fino a sbucare sulla strada asfaltata a Corrubio.

Si scende a ritroso sulla stessa strada asfaltata che avete percorso in salita fino a giungere a San Zeno.

Varianti

Potete accorciare la lunga salita andando in macchina fino in Prada o alla Località Due Pozze. Poi dovete organizzarvi per recuperare la macchina.

Le nostre dritte

  • Portatevi da bere, oltre ai rifugi non ci sono fontane potabili
  • Portatevi uno spolverino e una maglia pesante. Le creste di Naole sono esposte ai venti e il tempo in montagna cambia spesso
  • Partite presto per godervi il giro con calma e per evitare di affrontare la salita sotto il sole nelle giornate più calde
  • Probabilmente dovrete spingere la bici per un breve pezzo dal rifugio Fiori del Baldo al rifugio Chierego almeno che non siate molto allenati
  • Ci sono numerose mucche al pascolo lungo il percorso, chiudete sempre i cancelletti che incontrate lungo il tracciato

Il tour d’inverno

Non è fattibile per la presenza di neve

Rifugi, bivacchi o punti di ristoro lungo il percorso

  • Malga Traure
    Sulla strada di Naole
    T. 0039 345 168 7398
  • Rifugio Fiori del Baldo:
    A Prada (all'arrivo degli impianti) Tel. +39 045 6862477
  • Rifugio Chierego:
    Ai piedi di Cima Costabella
    Tel. +39 045 5117875

Come raggiungere il punto di partenza dell’itinerario

Il percorso parte dal centro di San Zeno di Montagna.

Parcheggio

Al parcheggio della Chiesa.

Mezzi pubblici

Con gli autobus di linea ATV.

Potrebbe interessarti anche